Esito asseblea del 09.11, convocazione assemblea per il 24.11 e votazioni 30.11

Cari amici, l’assemblea del 09.11 ha avuto una partecipazione inaspettata: erano presenti ben 48 colleghi e 5 colleghi avevano inviato la propria delega.
Ci siamo confrontati sui recenti provvedimenti del Tribunale e ne e’ nato un dibattito approfondito, in particolare in merito ai protocolli sulla celebrazione delle udienze di smistamento, sulla loro applicazione e sulle disfunzioni che si sono presentate in questi mesi (dovute soprattutto alla mancata tempestiva comunicazione degli statini, ai ritardi dei giudici, alla fissazione delle udienze provenienti dal sistema Giada alle ore 9 contemporaneamente alle udienze di smistamento dei processi provenienti da fissazioni GIP/GUP e alle udienze con istruttoria).
Sono stati illustrati i contenuti della comunicazione ricevuta dalla Presidente del Tribunale a seguito di alcuni episodi avvenuti il 5 novembre, con la quale la stessa chiedeva all’avvocatura “se fosse essa ancora interessata” al mantenimento dell’udienza di smistamento in luogo della possibile celebrazione dell’udienza da remoto.
Il Presidente Laura Antonelli ha fatto presente di aver inviato una comunicazione, in risposta, sottolineando alcuni motivi che hanno creato la presenza di un numero elevato di difensori in aula, dipesi principalmente da quanto già esposto in precedenza ovvero da disservizi di magistrati e cancelleria e ha sottolineato di aver avuto un confronto diretto con il presidente della sezione penale nel quale aveva già esposto tali ragioni.
All’unanimità si e’ deciso ancora una volta di tenere la schiena dritta e impegnarci per rendere quanto mai efficaci i nostri protocolli e contrastare il ricorso al processo da remoto.
Il successo del nostro impegno lo avrete certamente potuto apprezzare nell’ultimo comunicato inviato dal Presidente del Tribunale che ha sottolineato specificatamente il merito della Nostra associazione: di questo dobbiamo essere fieri e ci teniamo a ringraziare tutti voi che in questi mesi vi siete spesi – insieme al direttivo – per rendere possibile la partecipazione del sostituto di udienza.
Per quanto riguarda la mozione di proroga del nostro operato promossa da Ezio Menzione all’assemblea del 21 settembre c.a. ed inserita in un punto all’odg, vi informiamo che e’ stata approvata all’uninamita’.
Contestualmente Ivo Gronchi, prima, e Riccardo Ghilli, poi, hanno proposto una mozione di rinnovo integrale (e non solo di proroga) del direttivo nell’attuale composizione.
Avete già potuto leggere nella chat Whatsapp e sulla chat di Zoom quanti di voi si sono già espressi a favore del nostro rinnovo: queste mozioni ci hanno colto di sorpresa oltre ad averci gratificati – e diciamolo, anche un po’ imbarazzati!  Nel rispetto dell’unanime volontà assembleare emersa in quella sede, pertanto, con questa comunicazione, fissiamo oggi l’assemblea degli iscritti per il giorno 24.11.2020, alle ore 15, sempre sulla piattaforma Zoom (ricevere il link via mail dal collega Niccoli), con questi specifici punti all’odg, da Voi esplicitamente richiesti in quella sede:
1) discussione sui più recenti provvedimenti del Tribunale, con relazioni sulle riunioni tenutesi con la commissione flussi (relazione consigliere Coa Mario De Giorgio), con la Procura per il funzionamento della cancelleria telematica penale (relazione Laura Antonelli e Serena Caputo), varie ed eventuali visti i provvedimenti in divenire;
2) delibera sulla mozione di rinnovo integrale del direttivo per il biennio 2020/2022 promossa da Ivo Gronchi e Riccardo Ghilli. In caso di mancata approvazione del punto 2) si convocano sin da ora le votazioni per il rinnovo del direttivo per il biennio 2020/2022 per lunedi 30 novembre dalle ore 9 alle ore 13 presso la biblioteca del COA in via Palestro (luogo da confermare in quanto in attesa di autorizzazione) con fasce orarie suddivise in base alla lettera iniziale del cognome e ciò per evitare assembramenti:
dalle ore 09 alle ore 10 da A a B
dalle ore 10 alle ore 11 da C a E
dalle ore 11 alle ore 12 da F a N
dalle ore 12 alle ore 13 da P a Z

Resta salva la possibilità di scambio delle fasce orarie tra colleghi ed e’ ammesso il voto per delega (massimo una delega per votante).
Abbiamo ritenuto che la modalità di voto in presenza, pur nel rispetto della sicurezza di tutti, sia la più idonea e quella meno spersonalizzata; in ogni caso, qualora ci siano proposte diverse inerenti le modalità di voto, si invitano gli iscritti a presentarle direttamente in assemblea il 24.11.3) pagamento quote 2020.Un saluto affettuoso. 

Il direttivo.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento