LEZIONE DEL 15.7.21 SULLE “INVESTIGAZIONI DIFENSIVE”

Giovedì 15.07 si terrà l’ultima lezione della nostra Scuola prima della pausa estiva, vi invitiamo a partecipare online sulla piattaforma zoom. La lezione avrà ad oggetto “Le investigazioni difensive”, vi invitiamo a partecipare numerosi. Per l’iscrizione potete mandare una mail all’indirizzo scuolacamerapenalepisa@gmail.com.

LA CAMERA PENALE DI PISA

EVENTO DEL 30.6: “Deontologia del difensore d’ufficio e patrocinio gratuito a spese dello stato”.

Cari amici vi ricordiamo l’appuntamento di mercoledì prossimo 30.06 per la nostra assemblea (di cui alla convocazione e o.d.g. già pubblicato) alle ore 15 presso la STAZIONE LEOPOLDA (in piazza Guerrazzi).
A seguire, chi lo desidera, potrà partecipare FINALMENTE IN PRESENZA all’evento di cui alla locandina allegata, PRENOTANDOSI SIN DA ORA FINO AD ESAURIMENTO POSTI (50 in totale) inviando una email a scuolacamerapenalepisa@gmail.com.
L’evento e’ aperto a TUTTI e sarà – per VOI ISCRITTI – gratuito ed accreditato.
Vi aspettiamo numerosi!!!
Per il direttivo, il segretario Serena Caputo

Link Assemblea ZOOM giorno 14.06 ore 18,00

Alleghiamo il link per la connessione all’assemblea di oggi prevista per le ore 18,00:
Argomento: Assemblea Camera Penale Pisa 
Ora: 14 giu 2021 06:00 PM Roma

Entra nella riunione in Zoom
https://us02web.zoom.us/j/88920754900?pwd=ZHB3bFZFNGhkTTdGUHloMTJ2c3M2UT09

ID riunione: 889 2075 4900
Passcode: 561397
Un tocco su dispositivo mobile
+13126266799,,88920754900#,,,,*561397# Stati Uniti (Chicago)
+13462487799,,88920754900#,,,,*561397# Stati Uniti (Houston)

Componi in base alla tua posizione
        +1 312 626 6799 Stati Uniti (Chicago)
        +1 346 248 7799 Stati Uniti (Houston)
        +1 669 900 6833 Stati Uniti (San Jose)
        +1 929 205 6099 Stati Uniti (New York)
        +1 253 215 8782 Stati Uniti (Tacoma)
        +1 301 715 8592 Stati Uniti (Washington DC)
ID riunione: 889 2075 4900
Passcode: 561397
Trova il tuo numero locale: https://us02web.zoom.us/u/kbAHTFKP2

PER QUALUNQUE PROBLEMA TECNICO CONTATTARE LA NOSTRA SEGRETARIA DELLA SCUOLAChiara Benedettitel. 050 7212001 cell. 3404630823
email: chiarabenedetti29@gmail.com
vi aspettiamo TUTTI!!!!!

per il direttivo, il segretario Serena Caputo

Convocazione assemblea degli iscritti per lunedì 14 via zoom e mercoledì 30 in presenza.

Si allega la delibera del direttivo per la convocazione URGENTE dell’assemblea degli iscritti per le date di lunedi 14.06 p.v. ore 18.00 sulla piattaforma zoom (riceverete per tempo il link) e mercoledì 30.06 p.v. ore 15.00 in presenza presso le “Officine Garibaldi”.

Per il direttivo, il segretario Serena Caputo

LEZIONE SUL TEMA: “DIRITTO PENALE EUROPEO”.

Carissimi,
venerdì 11.06 si terrà la prossima lezione della nostra Scuola sul tema “Diritto penale europeo” come vedete dalla locandina introduce e modera l’Avv. Ezio Menzione e ce ne parleranno due “autorità” in materia: l’Avv. Nicola Canestrini e l’Avv. Paola Rubino.
L’evento è riservato ai soli iscritti alla Camera Penale ed è in corso di accreditamento presso il Consiglio dell’Ordine. Vi ricordo che per ricevere il link della lezione è necessario mandare una mail all’indirizzo scuolacamerapenalepisa@gmail.com.

Vi aspettiamo.

Rinvio udienze ruolo Dott.ssa Fabbricatore

Gentili colleghe e colleghi,
inviamo in allegato comunicazione della Presidente della sezione penale del Tribunale, Dott.a B. Dani, relativa al ruolo della Dott.ssa Fabbricatore, con la quale viene disposto il rinvio dei processi fissati per la prosecuzione della istruttoria nei mesi di giugno e luglio 2021.
Vengono fatti salvi i procedimenti di immediata definizione e quelli per i quali vi siano richieste delle parti di anticipazione o trattazione urgente.
Le date di rinvio saranno comunicate in udienza dal sostituto.

La Camera Penale di Pisa

COMUNICAZIONE RINVIO UDIENZA DEL 3.6.2021 GTM IADARESTA

ALLEGHIAMO COMUNICATO DEL PRESIDENTE DELLA SEZIONE PENALE B. DANI IN ORDINE AL RINVIO DELL’UDIENZA 3.6.2021 DELLA GTM DOTT.A E. IADARESTA.

IL DIRETTIVO DELLA CAMERA PENALE

L’IMPUGNAZIONE NEL PROCESSO PENALE -L’APPELLO

Cari amici,
vi inoltro la locandina del prossimo evento della nostra scuola la cui iscrizione è consentita ai soli  associati alla Cp di Pisa. L’evento è ancora in fase di accreditamento, appena avremo riscontro dall’ordine dell’avvenuto accreditamento ne daremo notizia.cari saluti.per il direttivo, il segretario

Serena Caputo

DELIBERA DI NOMINA A MEMBRO ONORARIO DELLA CAMERA PENALE DI PISA DELLA DOTT.A MANUELA MICHELI

Alleghiamo la delibera di nomina a membro onorario della Camera Penale di Pisa della Dott.a Manuela Micheli emessa all’unanimità dall’Assemblea del 29.3.2021.

Il Direttivo della Camera Penale di Pisa

Il portale telematico del processo penale non funziona. La Ministra della Giustizia intervenga per garantire l’esercizio del diritto di difesa. UCPI proclama l’astensione.

La macchina del processo penale versa in una condizione drammatica. I meccanismi processuali sono farraginosi e spesso privi di logica sistematica a causa delle tante riforme emergenziali che nei decenni sono intervenute sempre per restringere le garanzie, così togliendo effettività al rito accusatorio.

Alla crisi di sistema si aggiunge oggi la drammaticità della pandemia con tutte le difficoltà che la accompagnano: strutture sovente fatiscenti, personale di cancelleria in smart working, generale inadeguatezza dei provvedimenti assunti per l’operatività dei singoli uffici giudiziari.

La Magistratura italiana sta attraversando una grave crisi di autorevolezza e si sta rivelando incapace di affrontare i veri nodi che sottendono alla “vicenda Palamara”. L’Associazione Nazionale Magistrati appare più interessata a mostrare come il problema si riduca alle “mele marce” anziché a elaborare una seria riflessione sul sistema di potere costruito negli ultimi vent’anni, che ha trasformato i meccanismi di indipendenza del governo della Magistratura in autoreferenzialità correntizie.

La politica è messa all’angolo: impegnata nella ristrutturazione e nel riposizionamento dei suoi gruppi dirigenti, non pare avere, al momento, intelligibili progetti di modifica della prescrizione né dei meccanismi capaci di incidere sui tempi del processo né dell’ordinamento giudiziario.

La Ministra della Giustizia ha fatto della riservatezza, ma anche della non interlocuzione il tratto distintivo dei suoi primi trenta giorni. L’Unione ribadisce la propria disponibilità al confronto in ogni sede politica sui temi della giustizia penale, ma sottolinea anche come da tale confronto nessun progetto di riforma possa prescindere.

L’emergenza emblematica è il cd. “portale del penale”. È evidente e da tutti condiviso che nel tempo l’attività tecnica della difesa penale si potrà e dovrà appoggiare a tutte le possibili forme di digitalizzazione: depositi via pec, accreditamento e accesso ai portali anche per la consultazione dei fascicoli processuali, facilitazioni delle interlocuzioni con Pubblici Ministeri e Giudici, notifiche e così via.

Ma questa non è certo la situazione dell’oggi.

Il portale ufficializzato è solo quello delle Procure della Repubblica. Il sistema nasce già obsoleto, ma soprattutto presenta continui guasti e inconvenienti tecnici, che ne impediscono il funzionamento: i difensori non possono accreditarsi e ciò mette a repentaglio il rispetto dei termini processuali, i Pubblici Ministeri non hanno tempestiva contezza delle iniziative della difesa. Il deposito nel portale non è corredato da idonea certificazione comprovante l’esito positivo delle operazioni. Spesso, intervenuto il deposito della nomina, è comunque impossibile accedere al fascicolo.

L’Avvocatura, al tavolo delle consultazioni al tempo del precedente Ministro, aveva proposto una soluzione ragionevole quale la previsione di un regime che consentisse anche di ricorrere al deposito nelle forme tradizionali fino al raggiungimento della completa efficienza del sistema in tutto il territorio nazionale.

Con la legge n. 176 del 18 dicembre 2020, che ha convertito il decreto cd. “Ristori”, si è mantenuta – senza che nessuna forza politica ciò rivendicasse – la modalità esclusiva di deposito tramite portale degli atti difensivi, così impedendo ogni forma residuale di deposito cartaceo e trasformando l’avvio delle forme del processo telematico in un inammissibile detrimento dei diritti della difesa.

Il successivo decreto 13.1.2021 del Ministro della Giustizia ha addirittura esteso tale esclusiva modalità al deposito della querela, degli atti di opposizione alla richiesta di archiviazione e dell’atto di nomina.

Peraltro, gli interventi limitativi delle prerogative dei difensori, introdotti con atti privi di forza di legge, sono continuati anche con le note del Direttore del D.G.S.I.A. che, con i provvedimenti del 5.2.2021 e del 24.2.2021 ha imposto il deposito del cd. “atto abilitante”, dunque onerando il difensore di un ulteriore incombente non previsto dalla legge.

Tale oggettiva situazione dovrebbe concludersi il 30 aprile 2021, termine ultimo per le misure di emergenza di contrasto alla pandemia, ma inequivocabili sono gli annunci di provvedimenti di proroga di tutte tali misure.

Nessun impegno concreto è seguito da parte delle forze politiche che sostengono l’attuale Governo alle iniziative dell’Unione delle Camere Penali Italiane, che in queste settimane ha più volte denunciato le continue disfunzioni ed i malfunzionamenti dei portali.

I singoli difensori nei diversi procedimenti e le Camere penali territoriali hanno assunto iniziative di protesta e segnalato ai capi degli Uffici di procura la impossibilità pratica di esercitare le prerogative collegate alla fase procedimentale.

Inaccettabili le prese di posizione dei Procuratori, che hanno agito a macchia di leopardo: in alcuni casi si è negata l’esistenza del problema, in altri si è attribuito il cattivo funzionamento del meccanismo alla incapacità tecnica degli avvocati. In alcune sedi si è giunti ad autorizzare anche le forme di deposito tradizionale, salvo paventare il concreto rischio di future declaratorie di inammissibilità.

L’impossibilità di accedere anche alle modalità tradizionali di deposito e accesso ai fascicoli, in presenza di un evidente malfunzionamento dei portali, sta determinando una grave lesione dei diritti dei cittadini sottoposti a procedimento penale e delle persone offese che non vedono garantita la loro rappresentanza e la loro difesa tecnica.

Preso atto della perdurante mancanza di una iniziativa diretta del Governo che consenta di realizzare da subito il doppio regime, la Giunta dell’Unione delle Camere Penali Italiane

proclama

secondo le vigenti regole di autoregolamentazione – e nel rispetto delle pronunce della Corte Costituzionale ed in attesa di una certa e più consolidata loro interpretazione con esclusione dei processi contro imputati detenuti in custodia cautelare – l’astensione dalle udienze e da ogni attività giudiziaria nel settore penale per i giorni 29, 30, 31 marzo 2021;

invita

tutte le Camere penali territoriali a partecipare, con le modalità telematiche che saranno individuate, alla giornata di protesta nazionale del 29 marzo 2021;

dispone

la trasmissione della presente delibera al Presidente della Repubblica, ai Presidenti della Camera e del Senato, al Presidente del Consiglio dei Ministri, alla Ministra della Giustizia, ai Capi degli Uffici giudiziari.

Roma, 12 marzo 2021

Il Presidente, Avv. Gian Domenico Caiazza

Il Segretario, Avv. Eriberto Rosso