Lettera al Presidente di Sez. Dott.ssa Dani.

Carissimi amici,
A seguito della nostra assemblea abbiamo inviato alla Dott. Dani una comunicazione contenente ciò che è emerso dal nostro confronto chiedendo di intervenire su alcuni punti.vi inviamo, quindi il testo della comunicazione inviata il 23 settembre u.s. alla quale attendiamo risposta.

Come da accordi pregressi comunichiamo che stiamo predisponendo il calendario delle turnazioni per le udienze di smistamento e, con l’occasione, segnaliamo – facendo seguito alle richieste avanzate all’inizio delle cosiddette “fase due” e “fase tre” relative alla riapertura, Le indichiamo le problematiche che ci ha chiesto di anticipare a Lei e che  sono emerse nel corso dell’assemblea degli iscritti dell’altro ieri: 
1) Pisa è l’ unico Tribunale in cui non è prevista un’entrata indipendente per gli avvocati che dovrebbero passare  con la semplice esibizione del tesserino. Ciò crea numerosi disagi perché i Colleghi devono rimanere in piedi tra un imputato e un testimone, una persona offesa e due coniugi in via di separazione  con figli minori al seguito, tra operatori sociali e cittadini comuni i quali, prima di tutto, sono molto più numerosi di noi e poi sono soggetti al metal detector con notevole perdita di tempo (evitiamo di sottolineare che non è nemmeno decoroso per professionisti che partecipano all’amministrazione del giustizia). Il 16 e il 17 scorsi, in mancanza di un  accordo per lo smistamento, c’era una coda di decine di persone che arrivava fino alla piazza. Intollerabile il fatto che i PM, togati e non, entrino tranquillamente senza controllo alcuno e che, di fronte alla lamentela di un Avvocato  che dichiarava di doversi recare nel medesimo luogo e orario di uno di loro, le sia stato risposto “ma lui va a lavorare!”(sic!); ribadiamo la necessità – come da missive di giugno e di luglio, di avere accesso alle cancellerie senza appuntamento così come avviene orami dovunque. Chiediamo che vengano fissate fasce libere fasce su prenotazione significando che, pur essendo garantita l’urgenza, siamo costretti a spiegarne le ragioni giuridiche  alla vigilanza privata, a operatori amministrativi e ad altre “barriere” umane.2) succede sempre più spesso che alcuni giudici arrivino oltre le 9,30, talvolta anche alle 10 vanificando la fissazione delle udienze ad horas. Comprendiamo benissimo che possano avere problemi di traffico, di distanza, di figli ecc…. Si chiede, in questi casi, che iu detti magistrati fissino la prima udienza alle 9,30 o alle 10 non essendo obbligatorio dichiarare l’inizio alle ore 9;3) il protocollo sulla gestione delle udienze, attualmente in vigore, deve essere rispettato nonostante l’emergenza: poiché, in una fascia oraria vengono fissati più procedimenti, è necessario trattare per primi quelli di mero rinvio o quelli che si concludono con patteggiamento: succede spesso che i Giudici comincino da quelli nei quali devono essere sentiti i testimoni (la scorsa settimana un processo con 6 testi, fissato nella medesima fascia oraria di altri che erano rinvii o smistamenti provenienti dal Gip), ha avuto la precedenza.4) molti Colleghi hanno lamentato che al centralino del Tribunale non risponde quasi mai nessuno, spesso si attiva un messaggio che dice “irraggiungibile” (evidentemente c’è un trasferimento di chiamata a un cellulare) e, quando rispondono,  non sanno fornire le dovute  indicazioni. La cosa è quanto mai inopportuna viste le limitazioni all’accesso.5) la pubblicazione  delle “udienze di oggi” sul sito del tribunale dovrebbe riguardare tutte le udienze (alcune non ci sono mai state!) e avvenire con maggior anticipo considerando che, più che spesso, vengono modificati gli orari di chiamata dei processi costringendo gli avvocati ad attese che potevano essere evitate.Il punto 7) lo chiameremmo “in denegata ipotesi” nel senso che laddove non sia proprio possibile ipotizzare un ingresso libero per gli avvocati bisognerebbe informare la Task force deputata al controllo che abbiamo diritto di ingresso con qualche minuto di anticipo. E’ successo che hanno permesso l’ingresso ad una Collega con troppo ritardo e, quando è arrivata, il giudice l’aveva fatta sostituire…. “poco male!”, si potrebbe dire visto che era una dichiarazione di prescrizione ma, certamente, poteva essere qualcosa di più importante che avrebbe generato una situazione più spiacevole di quella verificatasi. Fiduciosi di ricevere riscontro, porgiamo Cordialità Il difettivo della Cp Pisa

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento